BONUS UTENZE DOMESTICHE (Energia elettrica, gas metano, acqua potabile)
(Responsabile del procedimento: TREVISAN PAOLA)
 

I bonus "ENERGIA ELETTRICA", "GAS METANO" e "CONSUMI IDRICI" sono strumenti introdotto dal Governo con l'obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di DISAGIO ECONOMICO, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua per energia elettrica e di gas naturale.

 


Il bonus elettrico è previsto anche per i casi di DISAGIO FISICO, cioè per i casi di grave malattia che imponga l'uso di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

 

Bonus  per disagio economico
La compensazione è riconosciuta ai clienti domestici per le forniture di gas naturale, energia elettrica e acqua potabile riferite all'abitazione di residenza, che risultino in condizioni di disagio economico. Sussiste il disagio economico quando il cittadino presenta:
- un’attestazione ISEE in corso di validità con valore non superiore ad €  8.107,50;
- un’attestazione ISEE in corso di validità con valore non superiore ad € 20.000,00 (per nuclei familiari con 4 o più figli minori a carico).


Altri requisiti (per l’accesso al bonus elettrico):
- potenza fino a 3 kwh (kwh 3,3) per nuclei fino a 4 componenti;
- potenza fino a 4,5 kwh per nuclei con più di 4 componenti;

Il bonus viene detratto direttamente dalle bollette, in forma rateizzata a partire dalla mensilità successiva a quella in cui viene riconosciuto definitivamente il diritto all’agevolazione.

L’agevolazione dura un anno, al termine del quale è necessario presentare nuova domanda con l’ISEE aggiornato.
Se il cittadino non provvede a rinnovare la domanda entro il termine, il bonus decade automaticamente. Può comunque presentare la domanda dopo la scadenza, ma perde la continuità del beneficio.

 

Bonus ENERGIA ELETTRICA per disagio fisico
Riguarda i cittadini residenti nel comune che abbiano nel nucleo familiare un congiunto che utilizzi apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita (ad. esempio respiratori, pompe nutrizionali, apparecchiature per dialisi, materassi antidecubito, carrozzine elettrice, etc.).
La domanda va presentata sempre dall’intestatario dell’utenza, che sia o meno la persona in disagio fisico.
Non sussistono requisiti di reddito né di kwh in uso. Se sussistono i requisiti il cittadino l'agevolazione è cumulabile con il bonus per disagio economico.

Il bonus viene detratto direttamente dalle bollette, in forma rateizzata a partire dalla mensilità successiva a quella in cui viene riconosciuto definitivamente il diritto all’agevolazione. Il cittadino vedrà in fattura, nella parte dei conteggi una riga con indicata la dicitura “Compensazione energia elettrica”.
Se successivamente alla domanda venissero aumentati o diminuiti i macchinari in uso, il cittadino deve dare comunicazione al comune, che aggiorna la domanda.

L’agevolazione per disagio fisico NON HA SCADENZA.

ATT.NE: esclusivamente per il BONUS ELETTRICO PER DISAGIO FISICO spetta al cittadino o ai familiari l’onere di avvisare il proprio distributore qualora non venissero più utilizzate le apparecchiature elettromedicali (ad. esempio per guarigione, ricovero, decesso o altro). Qualora il cittadino non avvisasse il distributore, questo continuerà ad applicare l’agevolazione, salvo chiedere successivamente all’utente (o agli eredi) la restituzione dell’importi indebitamente percepiti.

 

COME RICHIEDERE IL BONUS:
Il cittadino deve presentare la domanda su apposito MODULO, sottoscritto dall’intestatario del contratto e corredato dai seguenti documenti:
- attestazione ISEE in corso di validità (se agevolazione per motivi economici);
- attestazione ULSS per apparecchiature elettromedicali utilizzate (se agevolazione per disagio sanitario)
- documento di identità dell’intestatario;
- fattura fornitura energia elettrica, e/o gas metano, e/o acqua potabile;
- modulo “E” in caso di famiglie con almeno 4 figli a carico;
Per i RINNOVI è disponibile un modulo semplificato e non è necessario presentare le fatture, purché il cittadino non abbia cambiato residenza, né intestazione del contratto.


La domanda deve essere presentata al Comune (consegna a mano all’Ufficio SUP oppure trasmissione via fax o e-mail).



Data ultimo aggiornamento: 19/05/2016

Ufficio di competenza: Servizi Sociali
Tel: +39 0422 6178
Fax: +39 0422 61799
Email: mail@comune.villorba.tv.it
Pec: protocollo.comune.villorba.tv@pecveneto.it
Indirizzo: ex Montfort (via della Libertà, 4), sopra la scuola materna statale Collodi
Orari: UFFICIO AMMINISTRATIVO: su appuntamento; ASSISTENTI SOCIALI: Martedì 8.30 -13.30 su appuntamento (per appuntamenti contattare il numero 0422 6179 812)

Per attivare il procedimento l'utente deve rivolgersi allo Sportello per il Cittadino
Modalità:
Tel: +39 0422 6178
Fax: +39 0422 61799
Email: mail@comune.villorba.tv.it
Pec: protocollo.comune.villorba.tv@pecveneto.it
Indirizzo: Villa Giovannina - piazza Umberto I, 21
Orari: lunedì e mercoledì 8.00-18.00, martedì, giovedì * e venerdì 8.00-14.00, sabato chiuso.
* Ogni primo giovedì del mese 8.00-13.00

Modulistica
Modulo prima domanda
Modulo prima richiesta Bonus Elettrico (e/o gas metano e/o consumi idrici)

Modulo rinnovo
Modulo rinnovo bonus elettrico (e/o gas metano e/o consumi idrici)

Dichiarazione famiglie con figli pari o superiori a 4
Dichiarazione famiglie con figli pari o superiori a 4

Modulo variazione di residenza all'interno del comune
Modulo variazione di residenza

Modulo richiesta Bonus elettrico per DISAGIO FISICO-SANITARIO
Modulo disagio sanitario

Allegato ULSS per richiesta disagio fisico-sanitario
Allegato ULSS per richiesta disagio fisico-sanitario